ENPAPI

lunedì 25 settembre 2017
Visitatori 3347949
cerca nel sito
 >>
News Riduci
MODELLO UNI/2017 - DICHIARAZIONE TELEMATICA - giovedì 20 luglio 2017

È attiva la funzione per comunicare telematicamente i dati reddituali relativi all’anno 2016 ed i presunti del 2017, accedendo al menù Dati reddituali, sezioni Modello UNI e Reddito Presunto del Cassetto Previdenziale. In caso di errore, è possibile rettificare il dato trasmesso presentando una nuova dichiarazione in via telematica.

 
ATTESTAZIONE VERSAMENTI - ANNO 2016 - venerdì 12 maggio 2017

L’Attestazione dei Versamenti 2016 è disponibile nella sezione “Certificazioni - Attestazione Versamento - 2016” dell’Area Riservata.
L'Attestazione è il riepilogo di tutti i pagamenti corrisposti da gennaio a dicembre 2016 distinti a loro volta per tipologia di contributo coperto.
 

PAGAMENTI TRAMITE MODELLO F24 - TEMPI DI LAVORAZIONE - venerdì 31 marzo 2017

Si rappresenta che i pagamenti tramite modello F24 sono elaborati e forniti dall'Agenzia delle Entrate solamente a partire dal giorno 5 del mese successivo al versamento (i pagamenti effettuati negli ultimi giorni del mese, invece, slittano al giorno 5 del secondo mese successivo al pagamento - es. pagamento 28 febbraio, comunicazione dall'Agenzia il 5 aprile). A questi dovranno essere aggiunti i giorni di lavorazione interna da parte degli Uffici per la corretta imputazione dei versamenti. Pertanto, il tempo intercorrente tra il pagamento e la visualizzazione dell'importo in estratto conto può richiedere anche più di un mese di lavorazione.

 
CERTIFICAZIONE UNICA 2017 – AVVISO - venerdì 31 marzo 2017

Si comunica che è disponibile nell’Area Riservata, sezione “Certificazioni”, la Certificazione Unica 2017 relativa agli emolumenti percepiti nell’anno 2016.

 
ACCONTI 2017-NOVITA' F24 - venerdì 24 febbraio 2017

A decorrere da quest’anno, l’Ente ha introdotto il Modello F24 pre-compilato come nuovo canale di pagamento dei contributi previdenziali, che sostituisce il bollettino MAV. Per ciascun iscritto, all’interno dell’Area Riservata, è stato elaborato un piano di versamenti che si riferisce alla contribuzione minima per l’anno 2017 ed all’anticipo del saldo 2016 calcolato sulla base dei redditi presunti dichiarati per l’anno antecedente o, in mancanza, sull’ultimo dato reddituale comunicato, opportunamente rivalutato.

 
ESTRATTO CONTO 2016 - mercoledì 7 dicembre 2016

Si informano gli Assicurati che è disponibile nell'Area Riservata agli iscritti l'estratto conto previdenziale 2016. Il documento, insieme alla "diffida di pagamento" in presenza di inadempimenti contributivi, può essere consultato accedendo al Cassetto previdenziale. Per accedere al Cassetto occorre digitare il proprio codice fiscale e le credenziali presenti sulla Grid Card ENPAPI. Si ricorda che il deposito nel Cassetto equivale ad ogni effetto alla formale notifica dei documenti in esso contenuti, così come indicato nell'informativa sul "Cassetto previdenziale ENPAPI".

 
SALDO 2015 - PAGAMENTO TRAMITE F24 - lunedì 28 novembre 2016

Si ricorda la possibilità di versare il saldo contributivo 2015 attraverso il modello F24 Accise, utilizzando il codice tributo E016 nella sezione "Accise/Monopoli e altri versamenti non ammessi in compensazione, in corrispondenza delle somme indicate nella colonna "importi a debito versati". È, inoltre, necessario indicare: - nel campo "ente", la lettera "E" - nel campo "provincia", nessun valore - nel campo "codice identificativo", il numero di matricola di iscrizione all'Ente - nel campo "mese", il numero "12" - nel campo "anno di riferimento", l'anno "2015".

 
BOLLETTINI M.Av. - SALDO 2015 - venerdì 25 novembre 2016

ENPAPI, in collaborazione con la Banca Popolare di Sondrio, sta provvedendo in questi giorni a posizionare nel Cassetto Previdenziale il bollettino M.Av. per il versamento della contribuzione dovuta a saldo per l'anno 2015. Il pagamento dovrà essere effettuato entro il 10 dicembre 2016 presso gli uffici postali o gli sportelli della Banca Popolare di Sondrio o di qualsiasi altro Istituto bancario ovvero utilizzando la carta di credito ENPAPI, tramite accesso all'Area Riservata agli iscritti. Il bollettino non è stato emesso per i contribuenti che, attraverso i pagamenti effettuati nell'anno 2016, abbiano già versato l'intera contribuzione dovuta per l'anno 2015, o che non abbiano presentato la comunicazione reddituale relativa al 2015 (Modello UNI/2016) ovvero che siano iscritti alla Gestione Separata ENPAPI. Il numero verde della Banca Popolare di Sondrio 800.248.464 è attivo sia per richiedere informazioni o sia per richiedere l'emissione del duplicato del bollettino M.Av., disponibile in ogni caso nell'Area Riservata.

 
RATEIZZAZIONE DEL VERSAMENTO DELLA CONTRIBUZIONE DOVUTA A SALDO PER L'ANNO 2015 - martedì 22 novembre 2016

L'Assicurato che si trovi in condizioni di disagio economico e non riesca a far fronte al pagamento della contribuzione dovuta a saldo in un'unica soluzione, potrà richiedere entro il 28/02/2017 la dilazione del pagamento dovuto, in massimo 6 rate mensili, con prima scadenza 10 aprile 2017. Il tasso di dilazione applicato è lo stesso previsto per la rateizzazione della contribuzione dovuta per gli anni pregressi. Requisito necessario è la regolarità dichiarativa e contributiva nel biennio antecedente l'anno per il quale si effettua la richiesta. Per ulteriori informazioni visitare la sezione "Contributi/ Rateizzazione/ Rateizzazione della contribuzione dovuta a saldo".

 
ELABORAZIONE BOLLETTINI M.Av.- SALDO 2015 - martedì 15 novembre 2016

Si comunica che sono in corso di lavorazione da parte dell'Ente, in collaborazione con la Banca Popolare di Sondrio, i bollettini M.Av. per il versamento della contribuzione dovuta a saldo per l'anno 2015, che saranno posizionati, entro la fine del mese di novembre nel Cassetto Previdenziale. Il bollettino non sarà emesso per tutti coloro che mediante i versamenti già effettuati, abbiano completato il versamento della contribuzione dovuta a saldo (anno 2015) ovvero non abbiano presentato la comunicazione reddituale relativa all'anno 2015 ovvero siano iscritti alla sola Gestione Separata ENPAPI.

 
Ricongiunzione dei contributi
Ricongiunzione dei contributi Riduci

RICONGIUNZIONE DEI CONTRIBUTI

 

Riferimenti normativi

Legge 5/3/1990 n. 45 - art. 18 del Regolamento di Previdenza

Riferimenti Ente

Servizio Entrate Contributive 

 

La ricongiunzione è l’istituto che consente l’unificazione, mediante trasferimento, dei periodi di contribuzione previdenziale maturati dal professionista in diverse gestioni previdenziali allo scopo di ottenere un’unica pensione calcolata su tutti i contributi versati.

 

Possono presentare domanda di ricongiunzione i lavoratori autonomi o dipendenti ed i liberi professionisti. La ricongiunzione può essere passiva (o “in uscita”) quando il lavoratore dipendente, pubblico o privato o lavoratore autonomo, già iscritto a forme di previdenza obbligatoria per liberi professionisti, esercita la facoltà di ricongiungere presso l’attuale gestione previdenziale, i contributi versati in precedenza presso ENPAPI ovvero attiva (o “in entrata”) quando la facoltà di ricongiunzione è esercitata dal libero professionista che chiede la ricongiunzione presso ENPAPI dei contributi precedentemente versati a forme di previdenza per lavoratori dipendenti, pubblici o privati Sono ugualmente ricongiungibili i periodi di contribuzione presso diverse gestioni previdenziali per liberi professionisti. La facoltà della ricongiunzione può essere esercitata anche da un superstite di iscritto deceduto a condizione che la domanda venga presentata entro due anni dal decesso, e che il titolare del diritto non sia decaduto dall’esercizio della facoltà di ricongiunzione per rinuncia o per inadempimento.La ricongiunzione, avviene a domanda del diretto interessato o dei suoi superstiti e deve comprendere tutti i periodi di contribuzione (obbligatoria, volontaria, figurativa, riscattata) che il lavoratore ha maturato (non è ammessa la ricongiunzione parziale) in almeno due diverse forme previdenziali fino al momento della richiesta e che non siano già stati utilizzati per liquidare una pensione.

 

 

La ricongiunzione "in uscita"

Si parla di ricongiunzione “in uscita” o passiva quando la domanda è presentata da un soggetto iscritto ad una Gestione previdenziale obbligatoria diversa dall’ENPAPI: in tale caso si può chiedere all’Ente previdenziale a cui si è iscritti il trasferimento dei contributi versati in precedenza all’ENPAPI (art. 1, comma 4 Legge 45/1990). La relativa domanda deve essere inoltrata alla Gestione previdenziale presso la quale si è attualmente iscritti e presso cui si intende accentrare la propria posizione contributiva. Per poter presentare domanda di ricongiunzione passiva l’interessato non deve più essere iscritto all’ENPAPI. L’ammontare dei contributi da trasferire è pari alla somma dei contributi previdenziali versati maggiorati dell’interesse composto al tasso annuo del 4,50% a decorrere dal primo giorno dell’anno successivo a quello cui si riferiscono e fino al 31 dicembre dell’anno immediatamente precedente a quello in cui si effettua il trasferimento.

 

La ricongiunzione in tali casi è onerosa per il professionista. L’onere viene calcolato dalla gestione accentratrice ed è pari alla differenza tra la riserva matematica necessaria alla copertura assicurativa e l’importo dei contributi trasferiti dalle altre gestioni. Il pagamento dell’onere della ricongiunzione deve essere effettuato in un’unica soluzione ovvero con la rateazione prevista dalla legge. Si rinuncia alla ricongiunzione se non perviene la conferma della richiesta entro il termine di 60 giorni dalla ricezione della comunicazione e o non viene versato l’importo dovuto. La gestione accentratrice provvederà a determinare il diritto e la misura della pensione unica spettante a seguito dell’esercizio della facoltà di ricongiunzione.

 

 

La ricongiunzione "in entrata"

Si parla di ricongiunzione “in entrata” quando la domanda è presentata da professionista, iscritto all’ENPAPI, in precedenza iscritto in altre forme di previdenza obbligatoria: in tale caso si può chiedere il trasferimento ad ENPAPI dei contributi versati nelle precedenti gestioni (art. 1 commi 1, 2 e 3 Legge 45/1990). La domanda di ricongiunzione deve essere inoltrata all’ENPAPI che promuoverà il procedimento nei confronti dell’altro/altri Enti ai quali l’interessato è stato iscritto.

Per dar seguito all’istanza è necessario che:


 1. il professionista richiedente la ricongiunzione sia iscritto all'Enpapi alla data della presentazione della domanda;


 2. all’atto della domanda i contributi oggetto della ricongiunzione riguardino periodi contributivi maturati presso altre forme di previdenza presso le quali la posizione del richiedente non deve risultare più attiva;


 3. la ricongiunzione non può essere parziale: i contributi da ricongiungere devono riguardare tutti i periodi maturati presso le altre forme previdenziali;


 4. la facoltà di ricongiunzione può essere esercitata una sola volta, salvo che il richiedente possa far valere, successivamente alla prima ricongiunzione, un periodo di assicurazione di almeno 10 anni di cui 5 di contribuzione obbligatoria continuativa; in mancanza di tale requisito la seconda ricongiunzione può effettuarsi solo all’atto del pensionamento e solo presso la gestione nella quale sia stata precedentemente accentrata la posizione contributiva.

 

Anche nel caso di ricongiunzione in entrata si applicano le regole previste dalla Legge n. 45/90, fatta eccezione per il versamento dell’onere di riserva matematica posto a carico dell´assicurato con la conseguenza che per ricongiungere all´Enpapi le posizioni previdenziali maturate dall´iscritto presso altre gestioni previdenziali obbligatorie occorrerà che gli altri enti previdenziali coinvolti nell’iter di ricongiunzione effettuino il semplice trasferimento delle contribuzioni in loro possesso, maggiorate del 4,5% annuo (come previsto dall´art. 2, comma 1, della legge n. 45/1990), senza alcun onere aggiuntivo per l’assicurato. Le norme per la determinazione del diritto e della misura dell’unica pensione derivante dalla ricongiunzione dei periodi assicurativi sono quelle previste dal Regolamento di Previdenza Enpapi.


Il modulo da compilare per presentare domanda di ricongiunzione in “entrata” è disponibile su questo sito nella sezione contributi/modulistica.

Convenzione Riduci

Convenzione Riduci

Newsletter Riduci
Co.Co.Co e Committenti Riduci

Corso di formazione ECM-FAD Riduci
Posta Certificata Riduci

 PEC

 

Posta Elettronica Certificata
ENPAPI Gratuita

Richiedi Login
Area Organi e Collegi Riduci


Guida accesso collegi
Hai Dimenticato la Password?

Rapp. Professionali Riduci
Enti di Previdenza Riduci
Convenzione assicurativa Riduci

 

Previdenza Complementare Riduci
Assistenza Sanitaria Riduci
Associazioni Infermieristiche Riduci
ENPAPI, Via Alessandro Farnese, 3 - 00192 - ROMA | Numero verde: 800.070.070 | Fax: 06/3670.4490 | email: info@pec.enpapi.it
Condizioni di utilizzo -Informativa privacy - Sito realizzato da GOSPAService
);