ENPAPI

martedì 6 dicembre 2016
Visitatori 2784213
cerca nel sito
 >>
Eventi Riduci
News Riduci
SALDO 2015 - PAGAMENTO TRAMITE F24

Si ricorda la possibilità di versare il saldo contributivo 2015 attraverso il modello F24 Accise, utilizzando il codice tributo E016 nella sezione "Accise/Monopoli e altri versamenti non ammessi in compensazione, in corrispondenza delle somme indicate nella colonna "importi a debito versati”.

È, inoltre, necessario indicare:
- nel campo "ente", la lettera "E"
- nel campo "provincia", nessun valore
- nel campo "codice identificativo", il numero di matricola di iscrizione all'Ente
- nel campo "mese", il numero "12"
- nel campo "anno di riferimento", l'anno "2015"
 

BOLLETTINI M.Av. - SALDO 2015

ENPAPI, in collaborazione con la Banca Popolare di Sondrio, sta provvedendo in questi giorni a posizionare nel Cassetto Previdenziale il bollettino M.Av. per il versamento della contribuzione dovuta a saldo per l’anno 2015.
Il pagamento dovrà essere effettuato entro il 10 dicembre 2016 presso gli uffici postali o gli sportelli della Banca Popolare di Sondrio o di qualsiasi altro Istituto bancario ovvero utilizzando la carta di credito ENPAPI, tramite accesso all’Area Riservata agli iscritti.
Il bollettino non è stato emesso per i contribuenti che, attraverso i pagamenti effettuati nell’anno 2016, abbiano già versato l’intera contribuzione dovuta per l’anno 2015, o che non abbiano presentato la comunicazione reddituale relativa al 2015 (Modello UNI/2016) ovvero che siano iscritti alla Gestione Separata ENPAPI.
Il numero verde della Banca Popolare di Sondrio 800.248.464 è attivo sia per richiedere informazioni o sia per richiedere l’emissione del duplicato del bollettino M.Av., disponibile in ogni caso nell’Area Riservata.
 

RATEIZZAZIONE DEL VERSAMENTO DELLA CONTRIBUZIONE DOVUTA A SALDO PER L’ANNO 2015

L’Assicurato che si trovi in condizioni di disagio economico e non riesca a far fronte al pagamento della contribuzione dovuta a saldo in un’unica soluzione, potrà richiedere entro il 28/02/2017 la dilazione del pagamento dovuto, in massimo 6 rate mensili, con prima scadenza 10 aprile 2017.
Il tasso di dilazione applicato è lo stesso previsto per la rateizzazione della contribuzione dovuta per gli anni pregressi. Requisito necessario è la regolarità dichiarativa e contributiva nel biennio antecedente l’anno per il quale si effettua la richiesta. Per ulteriori informazioni visitare la sezione “Contributi → Rateizzazione → Rateizzazione della contribuzione dovuta a saldo”.
 

 
ELABORAZIONE BOLLETTINI M.Av. – SALDO 2015

Si comunica che sono in corso di lavorazione da parte dell’Ente, in collaborazione con la Banca Popolare di Sondrio, i bollettini M.Av. per il versamento della contribuzione dovuta a saldo per l’anno 2015, che saranno posizionati, entro la fine del mese di novembre nel Cassetto Previdenziale.
Il bollettino non sarà emesso per tutti coloro che mediante i versamenti già effettuati, abbiano completato il versamento della contribuzione dovuta a saldo (anno 2015) ovvero non abbiano presentato la comunicazione reddituale relativa all’anno 2015 ovvero siano iscritti alla sola Gestione Separata ENPAPI.
 

 
DICHIARAZIONE DEL REDDITO PROFESSIONALE E DEL VOLUME D'AFFARI 2015

Si ricorda che la comunicazione dei dati reddituali relativi all’annualità 2015 doveva essere effettuata entro il 26 settembre 2016.
Eventuali omissioni dichiarative potranno essere sanate utilizzando la modulistica presente sul sito internet dell’Ente nella sezione dedicata alla dichiarazione dei redditi.
 

 
RICERCA ASSOCIAZIONE "INFERMIERI ITALIANI NEL MONDO"

L'associazione "Infermieri Italiani nel mondo" sta promuovendo una raccolta di dati, al fine di pubblicare una ricerca sul mobbing in sanità. E' possibile contribuire alla ricerca, fino al mese di aprile 2017, compilando il seguente QUESTIONARIO.
 

 
DICHIARAZIONE TELEMATICA DEL REDDITO PROFESSIONALE E DEL VOLUME D'AFFARI PRODOTTI NEL 2015

È attiva la funzione per comunicare telematicamente i dati reddituali relativi all’anno 2015 ed i presunti del 2016, accedendo alla propria Area Riservata, sezione “Dati Reddituali”. Il termine per la presentazione è fissato al 26 settembre 2016.
Si ricorda che, in caso di smarrimento, è possibile richiedere il recupero della password seguendo le istruzioni presenti nella sezione “aiuto” che compare dopo aver digitato il proprio codice fiscale nel riquadro di accesso all’area riservata.
 

 
ATTESTAZIONE DI VERSAMENTO ANNO 2015

L’attestazione dei versamenti effettuati nell’anno 2015 è disponibile nella sezione "Certificazioni/Attestazione versamenti/anno 2015" dell’Area Riservata iscritti. I contributi previdenziali ed assistenziali obbligatori costituiscono oneri deducibili dal reddito complessivo (D.P.R. n. 917 del 22 dicembre 1986, art. 10). La certificazione è rilasciata a tutti gli iscritti alla Gestione Principale contribuenti nell’anno 2015, attivi e non attivi, che hanno eseguito pagamenti nel corso di tale annualità; oltre ai versamenti direttamente effettuati dall’Assicurato, la certificazione indica eventuali importi trattenuti da somme erogate dall’Ente a titolo di intervento assistenziale o di prestazione previdenziale ovvero importi oggetto di delibera di rimborso. Quanto certificato è stato versato durante l’anno 2015, ma può riferirsi ad annualità diverse.

 
ENPAPI, ARRIVA LA APP PERSONALIZZATA DI ANSA PROFESSIONI

A seguito della Convenzione stipulata con ANSA, a partire dal 15 febbraio, gli iscritti all’Ente possono usufruire gratuitamente, fino al 15 maggio p.v., della nuova APP ANSA PROFESSIONI personalizzata per ENPAPI.
Per un Professionista è davvero importante stare sempre al passo con i tempi e, tramite l’APP, avrà la possibilità di consultare tutte le news di settore su welfare, lavoro e attività istituzionali, le informazioni sul proprio Ente, l’attività legislativa del Parlamento Italiano e delle Commissioni UE, la Rassegna Stampa quotidiana personalizzata, le top news della giornata e gli sviluppi di tutte le notizie economiche.
La grafica semplice e chiara consente di accedere alle varie sezioni in modo veloce e facile, tutte le informazioni possono essere lette in connessione ovvero scaricate su smartphone e tablet per una successiva consultazione.
L’APP ANSA PROFESSIONI, disponibile per sistemi IOS e Android, può essere scaricata dagli store Apple e Google:
 

  

o direttamente dalla pagina ufficiale ANSA cliccando qui.

 
GRADUATORIE INTERVENTI ASSISTENZIALI 2015

Si comunica che le graduatorie relative agli interventi assistenziali 2015 sono state pubblicate nella sezione del sito "Trasparenza amministrativa - Graduatorie Bandi Assistenziali".

 
BOLLETTINI M.AV. 2016

I bollettini M.Av. 2015 sono disponibili in formato .pdf nella sezione “Bollettini M.Av” del Cassetto Previdenziale, attivato all’interno dell’Area Riservata.
Si ricorda, al riguardo, che le date di scadenza bimestrali (10 febbraio, 11 aprile, 10 giugno, 10 agosto, 10 ottobre) sono puramente indicative e, pertanto, ove non rispettate, non comporteranno l’applicazione di sanzioni e/o interessi.

 
PROROGA SCADENZA SALDO 2014 AL 17.12.2015

Per venire incontro alle richieste degli iscritti - visti i disagi riscontrati nell’accesso all’Area Riservata - si comunica che la scadenza del versamento del contributo dovuto a saldo per l'anno 2014 è stata prorogata al 17 dicembre 2015.

 
BOLLETTINI M.AV 2015 - SALDO 2014

I bollettini M.Av. per il versamento a saldo della contribuzione dovuta ANNO 2014, sono disponibili in formato .pdf nella sezione “Bollettini M.Av.” del Cassetto Previdenziale, attivato all’interno dell’Area Riservata. Si ricorda la scadenza del 10/12/2015 per il pagamento dell’importo dovuto. Eventuali difficoltà di visualizzazione potrebbero essere dovute al browser utilizzato (internet explorer, mozilla firefox, google chrome, safari, ecc); in ogni browser deve essere disabilitato il blocco pop-up.
Si ricorda che è attivo il numero verde della Banca Popolare di Sondrio 800.248.464 al quale eventualmente richiedere l’emissione del duplicato del bollettino.
 

 
RATEIZZAZIONE SALDO 2014

L’Assicurato che si trovi in condizioni di disagio economico e non riesca a far fronte al pagamento della contribuzione dovuta a saldo in un’unica soluzione, può richiedere entro il 31/01/2016 la dilazione del pagamento in massimo 6 rate mensili, con prima scadenza 10 marzo 2016; il tasso di dilazione applicato è lo stesso previsto per la rateizzazione della contribuzione dovuta per gli anni pregressi. Requisito necessario è la regolarità dichiarativa e contributiva nel biennio antecedente l’anno per il quale si effettua la richiesta. Per ulteriori informazioni visitare la sezione“Contributi/ Rateizzazione/ Rateizzazione della contribuzione dovuta a saldo”. 

BOLLETTINI M.AV. 2015 - SALDO 2014

I bollettini M.Av. per il versamento a saldo della contribuzione dovuta ANNO 2014, sono disponibili in formato .pdf nella sezione “Bollettini M.Av.” del Cassetto Previdenziale, attivato all’interno dell’Area Riservata.
Si ricorda la scadenza del 10/12/2015 per il pagamento dell’importo dovuto.
 

 
ATTESTAZIONE DEI VERSAMENTI 2014

L’attestazione dei versamenti effettuati nell’anno 2014 è disponibile nella sezione "Certificazioni/Attestazione versamenti/anno 2014" della Nuova Area Riservata Iscritti. I contributi previdenziali ed assistenziali obbligatori costituiscono oneri deducibili dal reddito complessivo (D.P.R. n. 917 del 22 dicembre 1986, art. 10). La certificazione è rilasciata a tutti gli Iscritti contribuenti nell’anno 2014, attivi e non attivi, che hanno eseguito pagamenti nel corso di tale annualità; oltre ai versamenti direttamente effettuati dall’Assicurato, la certificazione indica eventuali importi trattenuti da somme erogate dall’Ente a titolo di intervento assistenziale o di prestazione previdenziale ovvero importi oggetto di delibera di rimborso. Quanto certificato è stato versato durante l’anno 2014, ma può riferirsi ad annualità diverse.
 

 
BOLLETTINI M.AV. 2015

È in corso da parte dell’Istituto Cassiere il caricamento dei bollettini M.Av. per l’acconto della contribuzione dell’anno 2015.
Si rammenta che la scadenza del 10 febbraio è indicativa ed il versamento può essere effettuato anche successivamente, senza alcuna applicazione di interessi e sanzioni.
L’unico termine perentorio per il versamento è quello del 10 dicembre per il versamento del saldo.
 

 
BOLLETTINI M.AV. 2015

I bollettini M.Av. 2015 sono disponibili in formato .pdf nelle sezioni “Pagamenti e Banca” del Cassetto Previdenziale, attivato all’interno dell’Area Riservata.
Si ricorda, al riguardo, che le date di scadenza bimestrali (10 febbraio, 10 aprile, 10 giugno, 10 agosto, 12 ottobre) sono puramente indicative e, pertanto, ove non rispettate, non comporteranno l’applicazione di sanzioni e/o interessi.
 

 
PROROGA SCADENZA SALDO 2013 AL 31.12.2014

Per venire incontro alle richieste degli Iscritti - visti i possibili disagi creati dall'attivazione del nuovo Cassetto previdenziale - si comunica che la scadenza del versamento del contributo dovuto a saldo per l'anno 2013 è stata prorogata al 31 dicembre 2014. 

RATEIZZAZIONE DELLA CONTRIBUZIONE DOVUTA A SALDO PER L'ANNO 2013

L’Assicurato che si trovi in condizioni di disagio economico e non riesca a far fronte al pagamento della contribuzione dovuta a saldo in un’unica soluzione, può richiedere entro il 31/01/2015 la dilazione del pagamento in massimo 6 rate mensili, con prima scadenza 10 marzo 2015; il tasso di dilazione applicato è lo stesso previsto per la rateizzazione della contribuzione dovuta per gli anni pregressi. Requisito necessario è la regolarità dichiarativa e contributiva nel biennio antecedente l’anno per il quale si effettua la richiesta. Per ulteriori informazioni visitare la sezione “Contributi/ Rateizzazione/ Rateizzazione della contribuzione dovuta a saldo”.

 
VERSAMENTO DELLA CONTRIBUZIONE A SALDO PER L’ANNO 2013 – PROROGA DELLA SCADENZA

La scadenza del versamento contributivo a conguaglio per l’anno 2013 è stata prorogata al 22 dicembre p.v.
Il bollettino M.Av. per il pagamento, emesso in collaborazione con la Banca Popolare di Sondrio, sarà a breve disponibile in formato .pdf nell’Area Riservata agli Iscritti.
 

MODELLO UNI/2014

Si ricorda che il termine per la comunicazione dei dati reddituali del 2013 è scaduto il 10 settembre 2014. I Servizi sono in fase di acquisizione delle dichiarazioni presentate. L’estratto conto individuale sarà aggiornato solo a seguito del completamento delle operazioni di acquisizione dei dati. La sanzione attualmente indicata in estratto conto per l’anno 2013 non è dovuta qualora l’adempimento sia avvenuto entro il termine stabilito. Nel caso di omissione, si invita a provvedere quanto prima alla comunicazione attraverso il Modello UNI/2014, disponibile nella sezione Dichiarazione redditi/Presentazione Modello UNI/2014.
Si rammenta che il tardivo adempimento degli obblighi dichiarativi e/o contributivi, comporta l’applicazione del regime sanzionatorio ordinario previsto dal vigente Regolamento di Previdenza.
Si precisa che, qualora il Modello sia stato regolarmente trasmesso entro la data di scadenza (10 settembre 2014), non sarà applicata alcuna sanzione.
 

 
PIANO VERSAMENTI 2013/2014

Si informa che i pagamenti effettuati relativamente al piano versamenti 2013/2014 sono presenti nella sezione "Versamenti". L'estratto conto individuale sarà aggiornato dopo l'ultima scadenza del piano fissata al 10 ottobre 2014. 

MODELLO UNI/2014 dichiarazione telematica del reddito prof. e del vol. d'affari prodotti nel 2013

È attiva la funzione per comunicare telematicamente i dati reddituali relativi all’anno 2013 ed i presunti del 2014, accedendo alla sezione Modello UNI/2014 e Reddito presunto 2014 dell’Area Riservata agli iscritti.
Si ricorda che, in caso di smarrimento, è possibile richiedere il recupero della password attraverso l’apposita sezione “Hai dimenticato la password?”, presente nel riquadro di accesso all’area riservata.


 

 
LA LIBERA PROFESSIONE INFERMIERISTICA: UNA SCELTA MOTIVATA O UN DOVERE DETTATO DALLE CIRCOSTANZE?

Due ricercatori hanno avviato un progetto di ricerca di tipo qualitativo, della durata di 6 mesi, per analizzare la motivazione che spinge un infermiere ad intraprendere la libera profesione. Si chiede, pertanto, di dedicare qualche minuto alla compilazione di un breve questionario cliccando qui.

 
GIORNATA NAZIONALE DELLA PREVIDENZA 2014

Servizio di CLASS relativo al Convegno tenutosi da ENPAPI, EPPI, EPAP, ENPAB, ENPAP durante la manifestazione a Milano - clicca qui.

 

 
Campus BIOMEDICO di Roma - Servizio Formazione Post Lauream
Redditi occasionali-Gestione Separata ENPAPI

Nell’ambito delle attività connesse all’avvio delle Gestione Separata ENPAPI, è emersa una serie di quesiti in merito alla corretta applicazione delle norme regolamentari vigenti, nonché alla corretta interpretazione di alcune di esse.

continua...

 
Home
IN EVIDENZA Riduci
IN EVIDENZA Riduci

VIA LIBERA DEL GOVERNO A USO RISPARMI CASSE PER WELFARE PROFESSIONISTI 

martedì 29 novembre 2016
Comunicato Stampa ADEPP
 

Non più all’erario ma a beneficio dei professionisti. Il Governo si è espresso a favore della destinazione dei proventi della spending review delle Casse di previdenza private al welfare dei professionisti loro iscritti.
L’Esecutivo ha infatti accolto come raccomandazione l’ordine del giorno 9/4127-bis-A/3 presentato alla Camera dei Deputati dall’on. Silvia Fregolent durante l’iter della legge di bilancio 2017.
L’impegno prevede che i versamenti finora fatti dagli Enti di previdenza privati “al Bilancio dello Stato per le norme sulla «spending review», d’ora in poi vengano invece utilizzati per rafforzare direttamente il welfare sussidiario nei confronti dei liberi professionisti associati”.
“È un atto di giustizia che chiediamo da tempo - commenta Alberto Oliveti, Presidente dell’AdEPP, associazione che raccoglie gli enti di previdenza privati -. Così come è giusto che i risparmi delle pubbliche amministrazioni vadano allo Stato, è altrettanto giusto che i risparmi degli Enti privati vadano a vantaggio di chi li finanzia, e cioè ai professionisti”.
Negli ultimi tre anni gli Enti di previdenza dei professionisti, pur essendo privati e non ricevendo contributi pubblici, hanno versato 29 milioni di euro nelle casse dello Stato in base alle norme sulla “spending review”.
“La crisi ha colpito duramente i professionisti italiani - continua il Presidente dell’AdEPP - e non è più possibile caricare su di loro ogni tipo di spesa pubblica. Con questi fondi che speriamo di recuperare intendiamo finanziare interventi di sostegno al reddito per i nostri iscritti”.

IN EVIDENZA Riduci

RAPPORTO INVESTIMENTI ADEPP: CRESCE IL PATRIMONIO DEGLI ENTI DI PREVIDENZA PRIVATI

Oliveti: "Oltre 73 miliardi il valore delle attività detenute. +6% azioni Italia. Si conferma il ruolo delle Casse per il sostegno alla crescita del Paese"

mercoledì 23 novembre 2016

Comunicato Stampa ADEPP 

73 miliardi di euro con una crescita percentuale di oltre 4 punti in un anno: a tanto ammontano le attività totali a valori di mercato detenute dagli Enti di Previdenza Privati aderenti all’AdEPP. Il dato è contenuto nel Rapporto sugli investimenti, realizzato dal Centro studi AdEPP, presentato oggi a Roma.
LE CASSE PUNTANO SULL’ITALIA
Lo studio ha messo in luce la crescita delle risorse investite nell’economia nazionale. Per quanto riguarda la componente di titoli di capitale investita sul territorio italiano si registra un netto aumento, con le “azioni” tricolore che sono passate dal 22,7% al 28,8% del totale. Un balzo in avanti del 6,1% in un anno.
“Oggi le Casse hanno investimenti in titoli di capitale italiani per circa 3 miliardi di euro, un dato che fa emergere il ruolo di primo piano che gli enti dei professionisti interpretano nel sostegno alla crescita del Paese – ha detto il Presidente dell’AdEPP Alberto Oliveti durante la presentazione della ricerca –. Non a caso i nostri investimenti continuano ad andare in settori cruciali dell’economia reale”. Oltre che nel settore finanziario, infatti, i titoli di capitale italiani acquistati dagli Enti AdEPP sono ripartiti principalmente tra le Utilities (18%), il settore dell’Energia (12,8%), quello Sanitario (5,9%) e Industriale (5,7%).
“Ricordiamo comunque che in generale, considerando tutti i tipi di investimento, più del 60% delle nostre risorse sono in Italia, come ha già dimostrato un precedente studio basato sui bilanci 2014”, ha precisato Oliveti.
PATRIMONIO AUMENTATO
In totale le attività degli Enti aderenti all’AdEPP sono aumentate dai 69,9 miliardi del 2014 ai 73,3 miliardi di euro del 2015 (+4,6%).
“La crescita è dovuta alla buona gestione degli investimenti ma anche al fatto che il saldo tra le entrate contributive e le prestazioni delle Casse AdEPP è positivo – osserva Oliveti – e questo deve ricordare a tutti che i patrimoni degli Enti sono fatti di contributi dei lavoratori, accantonati per essere messi a reddito e per pagare pensioni, non per essere impiegati impropriamente o per essere decurtati da doppie o triple tassazioni”.
“Visto che ogni tanto qualcuno se lo dimentica o fa confusione, vale anche la pena sottolineare che nessuna Cassa previdenziale privata é mai fallita (INPDAI era pubblica quando fallì) e tutte stanno meglio di quando erano pubbliche”, ha ribadito il presidente dell’AdEPP.
GESTIONE SEMPRE PIU’ PROFESSIONALE
Un altro aspetto evidenziato dal Rapporto AdEPP è la tendenza sempre più marcata a una gestione indiretta del patrimonio sia mobiliare sia immobiliare. Se nel 2011 il 58,5% degli investimenti delle Casse era gestito direttamente e solo il 41,5% era a gestione indiretta, cinque anni dopo la situazione si è completamente invertita: a fine 2015 quasi il 59% del patrimonio era a gestione indiretta.
“Con l’aumento dei patrimoni, le Casse tendono a non gestirli più interamente in casa ma concentrano gli sforzi delle proprie strutture sul controllo del rischio e aumentano la diversificazione affidandosi a gestori professionali selezionati sul mercato - analizza il Presidente dell’AdEPP -. Anche il legislatore ha fatto la sua parte, penalizzando dal punto di vista fiscale gli investimenti diretti”.
“La gestione indiretta, virtuosa, correrebbe il rischio di essere appesantita se il decreto investimenti prevedesse modalità di selezione fuori mercato, come le gare con le stesse regole degli appalti delle Pubbliche Amministrazioni”, ha aggiunto Oliveti.
Negli ultimi anni inoltre molti Enti Previdenziali Privati hanno attuato delle politiche di investimento per abbassare l’esposizione diretta in immobili apportandoli in fondi di investimento alternativi (FIA), con l’obiettivo di mettere a reddito gli stabili e quando possibile di venderli.
“L’operazione di vendita degli immobili richiede tempi piuttosto lunghi per evitare perdite dall’immissione sconsiderata di immobili nel mercato e non può ignorare l’andamento del mercato immobiliare italiano, la crisi demografica e i processi di riorganizzazione e ristrutturazione del lavoro che impattano sull’immobiliare destinato agli uffici”, ha tuttavia precisato Oliveti.
UN CODICE DI AUTOREGOLAMENTAZIONE
Durante la presentazione del Rapporto sugli investimenti, l’AdEPP ha reso pubblico il Codice di autoregolamentazione sugli investimenti varato dall’associazione.
Le Casse hanno infatti deciso di dotarsi di un documento di indirizzo senza attendere l'emanazione di un regolamento governativo sui limiti degli investimenti.
“Il nostro è un sistema maturo che cresce e che intraprende percorsi avanzati di autoregolamentazione nell'ottica di un’autonomia responsabile – ha detto Oliveti –. In considerazione della rilevanza del patrimonio gestito dalle Casse, infatti, abbiamo ritenuto che l'adozione di un codice di autoregolamentazione in materia di investimenti fosse necessaria e improcrastinabile per garantire la trasparenza, l'ottimizzazione dei risultati e la tutela degli iscritti secondo le migliori pratiche già adottate dagli enti di previdenza e gli indirizzi del legislatore".
“Allo stesso tempo il Codice di autoregolamentazione esprime la nostra esigenza di utilizzare mezzi privati e di muoverci con agilità nel mercato per trarre le migliori opportunità", ha detto il Presidente dell’AdEPP.
NOTA:
Il Rapporto investimenti prende in considerazione le attività, a valore di mercato, di: Cassa Notariato, Cassa Forense, INARCASSA, CNPADC, ENPAV, ENPACL, ENPAP, ENPAPI, INPGI, ENASARCO, ENPAIA, EPAP, ONAOSI, ENPAM, ENPAB, EPPI, Cassa Geometri, Cassa Ragionieri.
Non sono comprese nell’analisi: CASAGIT (poiché è un fondo sanitario) ed ENPAF e FASC (che non fanno parte dell’AdEPP)

NUOVA AREA RISERVATA: IL "CASSETTO PREVIDENZIALE" Riduci

 

E' ATTIVA LA NUOVA AREA RISERVATA PER GLI ISCRITTI 

DENOMINATA "CASSETTO PREVIDENZIALE"

 

PER ACCEDERE CLICCA QUI

Per l'accesso è necessario inserire il proprio Codice Fiscale ed i codici  richiesti contenuti sul retro della CARD SERVIZI ENPAPI

 

Istruzioni per l'utilizzo

Si ricorda che, qualora non fosse pervenuta presso il proprio domicilio, è possibile richiedere la CARD SERVIZI ENPAPI in formato elettronico attraverso il seguente modulo:

Domanda per la richiesta di invio in formato elettronico della CARD SERVIZI ENPAPI

Auspico che tale iniziativa trovi il favore ed il consenso della platea degli Assicurati in quanto il risparmio economico che deriverà dal nuovo sistema potrà essere utilizzato per promuovere ulteriori interventi in favore degli Iscritti.

Il Presidente MARIO SCHIAVON

CONTACT CENTER Riduci

CONTACT CENTER ENPAPI 

Chiamando il numero

800 070 070

e digitando il numero di matricola sarà possibile accedere ad un servizio interamente rinnovato

Archivio articoli pubblicati Riduci
Area Riservata Iscritti Riduci

VIDEO PROMO Riduci

Co.Co.Co e Committenti Riduci

Newsletter Riduci
Posta Certificata Riduci

 PEC

 

Posta Elettronica Certificata
ENPAPI Gratuita

Richiedi Login
ANSA Professioni Riduci

Area Organi e Collegi Riduci


Guida accesso collegi
Hai Dimenticato la Password?

Rapp. Professionali Riduci
Enti di Previdenza Riduci
Convenzione assicurativa Riduci

 

Previdenza Complementare Riduci
Assistenza Sanitaria Riduci
Associazioni Infermieristiche Riduci
Iniziative da parte di iscritti Riduci
Convenzione Riduci

ENPAPI, Via Alessandro Farnese, 3 - 00192 - ROMA | Numero verde: 800.070.070 | Fax: 06/3670.4490 | email: info@pec.enpapi.it
Condizioni di utilizzo -Informativa privacy - Sito realizzato da GOSPAService
);